Blog

Haibun

Il mio grazie a Stefano d’Andrea, fondatore e direttore della rivista di “respiro internazionale”,  “Le Lumachine”

per aver inserito un mio Haibun sul tema  “memoria involontaria e nostalgia”

Complimenti a tutti gli autori presenti e a Marina Bellini per le preziose traduzioni dall’inglese.

L'immagine può contenere: testo

VOLO

C’è un posto dove teniamo i mezzi di lavoro.
Poco distante dai palazzi, che si inerpicano per la collina, dove sorge un grande pino domestico. Mentre
aspetto, vengo attirato dal volo planante di alcuni aironi cenerini, che hanno scelto questo albero come
posatoio.
Mi domando come mai là in mezzo ai palazzi. E dove andranno a cacciare?
Sicuramente lungo un corso d’acqua. Forse di notte? Chissà!?
Mi soffermo sul loro volteggiare, con quelle grandi ali sensibili alle correnti e mi vengono in mente gli
avvoltoi della Baja California, lunga penisola messicana sul Pacifico.
jet lag estivo –
il suono di un crotalo
lungo la strada
Avevamo preso a noleggio un auto a San Diego (California) e dopo un paio d’ore eravamo a Tijuana sul
confine. La strada, dritta verso sud, attraversava un territorio desertico, fino ad arrivare ad una grande
area naturale protetta, dove le specie di cactus endemici spuntavano fra le rocce, a tratti, tonde come
lune. Ogni tanto, qualche avvoltoio lo trovavi posato sulla cima di un saguaro, altri, volteggiare nel cielo
sempre blu di quei posti. La strada che ci portava verso un luogo del mare di Cortez ad un certo punto
finì. Alle 10 della sera, anche la corrente elettrica finiva perché spegnevano i gruppi elettrogeni.
Il cielo notturno finalmente si faceva limpido e silenzioso.
di buon mattino
snorkeling nella baia –
i pellicani
chiaramente con me, oltre la vecchia reflex, la mia fida Mares con boccaglio.

 

Pasquale Asprea – Italia

 

https://docs.wixstatic.com/ugd/0ba2eb_918512bcd38e45ac9abc75c18b0aae60.pdf